La società europea, 1850 – 1910

Il miglioramento del cibo e il miglioramento della medicina fanno sì che i morti diminuiscano e che la popolazione automaticamente aumenti. Dalle campagne la popolazione tende a trasferirsi nelle città, le quali cambiano e si dotano di moderni servizi. Tra il 1820 e il 1914, 48 milioni di europei per trovare lavoro e migliori condizioni di vita se ne vanno … Continua a leggere

La seconda rivoluzione industriale, 1870 – 1910

Tra il 1870 e il 1910 in Europa, Stati Uniti e Giappone prende forma una seconda rivoluzione industriale, i cui simboli sono l’acciaio, l’elettricità, il petrolio, il motore a scoppio, la chimica. In questi anni vengono inventate gran parte delle tecnologie che ancora oggi sono in uso. Le ferrovie vengono modernizzate e potenziate, diffondendosi tra tutte le nazioni dei continenti; … Continua a leggere

L’Unità d’italia

Dopo la repressione dei moti liberali e democratici, l’Italia ritorna sotto i regimi che l’avevano governata negli anni della Restaurazione. Vediamo stato per stato la situazione. Il Regno di Sardegna non aveva alcun legame con l’Austria e poi aveva mantenuto la Costituzione, cioè lo Statuto Albertino, concesso da Carlo Alberto nel 1848, che contemplava alcune tutele per il cittadino come … Continua a leggere

Le rivoluzioni del 1848

Scoppiando una grava crisi in Europa, si solleva il malcontento popolare. Per quali motivi? Innanzitutto perché c’era mancanza di libertà politica e poi tanti popoli ancora aspiravano all’indipendenza nazionale. Tutto questo sfociò in un’ondata rivoluzionaria che investì tutta l’Europa all’inizio del 1848. In Francia scoppia una rivoluzione e il popolo riesce a rovesciare Luigi Filippo e a proclamare la Repubblica. … Continua a leggere

L’Italia divisa e i movimenti per l’indipendenza

Come già sappiamo l’Italia è divisa in molti stati e staterelli, in parte soggetta agli austriaci. Nel Nord, soprattutto nel Lombardo-Veneto e nel Regno di Sardegna, l’economia e l’industria sono alquanto sviluppate, ma lo Stato Pontificio e il Regno delle Due Sicilie restano profondamente arretrati. Dopo il fallimento delle insurrezioni del 1830-1831, Giuseppe Mazzini fonda la Giovane Italia che si … Continua a leggere

l’Inghilterra

Questo paese tra il 1833 e il 1840 abolisce la schiavitù, promulga leggi che tutelano i diritti dei minori ed istituisce le prime forme di assistenza pubblica. Tuttavia il movimento dei lavoratori, denominato il Cartismo, non ottiene che il diritto di voto sia esteso maggiormente: infatti le forze democratiche non saranno rappresentate in Parlamento. 

Assolutismi e rivoluzioni in Europa

Nell’agosto del 1830 scoppiò nel Belgio una rivoluzione che causò l’indipendenza di questo paese dal Regno dei Paesi Bassi che nel 1831 si divide ufficialmente in due regni: Belgio e Olanda. Anche in Polonia gli abitanti di questo paese cercano di diventare indipendenti rispetto alla Russia, ma l’insurrezione viene soffocata nel sangue nel settembre del 1831.

La rivoluzione in Francia e la vittoria della borghesia

Tra il 1830 e il 1831 tutta l’Europa viene scossa da profondi sommovimenti rivoluzionari. Addirittura, dopo l’abbattimento del regime napoleonico, con Carlo X assistiamo ad una svolta fortemente reazionaria: vengono ripristinati gli antichi privilegi nobiliari e vengono abolite le garanzie costituzionali. Questa svolta reazionaria suscitò nel luglio 1830 la rivolta del popolo di Parigi: Carlo X è costretto a fuggire … Continua a leggere

La rivoluzione del lavoro

Prima della rivoluzione industriale, cioè fino al 1780 circa, la produzione delle merci avveniva così:  Il lavoratore era un artigiano e la produzione avveniva a livello familiare; Gli strumenti che venivano utilizzati, molto semplici erano di proprietà dell’artigiano stesso; Il suo orario di lavoro era estremamente flessibile; Le botteghe e le manifatture erano disseminate nelle campagne, nei villaggi e nelle … Continua a leggere

La rivoluzione agricola

Anche nell’agricoltura ci furono profonde innovazioni. Per esempio, a partire del 1720, si diffusero nei Paesi Bassi e in Inghilterra il sistema a 4 campi: in effetti i terreni non venivano mai lasciati a riposo, come in precedenza, ma erano sfruttati anche nella parte non seminata, come erbe da pascolo per gli allevamenti. La meccanizzazione, oltre a far aumentare la … Continua a leggere