L’Italia dopo l’Unità, 1860 – 1900

Dopo l’unificazione italiana avvenuta il 17 marzo del 1861, l’Italia è ufficialmente una monarchia costituzionale (la costituzione era lo Statuto Albertino) retta da Vittorio Emanuele II di Savoia (è da notare questa curiosità: il primo re d’Italia si chiama “secondo”, a voler significare che è stato il Piemonte a conquistare l’Italia e non i vari stati ad unificarla). I problemi politici, economici e sociali che si presentano per la nuova nazione sono enormi: sia l’agricoltura che l’industrie sono molto arretrate, le ferrovie sono quasi inesistenti, il deficit dello Stato è spaventoso, c’è un numero altissimo di persone che non sanno né leggere né scrivere, è molto seria sia la questione romana (il Papa ha ancora uno Stato abbastanza grande sul nostro territorio) sia la questione meridionale (questa parte del Paese è molto arretrata). Nel Sud esiste un diffuso malcontento, soprattutto tra le classi popolari, a causa della mancata riforma agraria, che doveva consegnare le terre ai contadini che le lavoravano, le tasse opprimenti che non permettevano di vivere dignitosamente, la leva militare obbligatoria che toglieva braccia all’agricoltura e metteva in difficoltà la già molto precaria economia delle famiglie contadine. Tutto questo malcontento, tra il 1861 e il 1865, genera un fenomeno mai conosciuto prima: il brigantaggio, che viene represso dall’esercito italiano senza pietà. L’Italia si allea con la Prussia e con la terza guerra d’indipendenza riesce a strappare all’Austria il Veneto. La caduta poi di Napoleone III, sconfitto dai Prussiani, dà il via libera all’esercito italiano di conquistare Roma (Breccia di Porta Pia, 20 settembre 1870) e di mettere fine al potere temporale dei papi. Naturalmente il papa in carica, Pio IX, si arrabbia terribilmente, si dichiara prigioniero dello Stato italiano, invita le altre nazioni cattoliche a scendere in guerra contro l’Italia, si rifiuta di riconoscere la legittimità dello Stato italiano. 

L’Italia dopo l’Unità, 1860 – 1900ultima modifica: 2013-11-13T10:21:22+01:00da noi888
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento